23 febbraio 2012

la mostra di Hokusai


la sua opera più famosa "la grande onda"
"Hokusai Manga" erano i manuali  per i numerosi allievi
Adesso al museo provinciale di cultura di Kyoto si tiene la mostra di Hokusai, senza dubbio è uno dei più famosi giapponesi al mondo. Nacque nel 1760 a Katsushika di Edo (Tokyo) e il nome della terra natale è rimasto come il suo cognome d'arte effettivo ancora oggi, lo dico così perché lui cambiò il nome d'arte per più di 30 volte nella sua vita. "Hokusai è uno dei primi nomi per la sua carriera e nella fase di vecchiaia si faceva chiamare addirittura "pittore fanatico", questo nome simboleggia benissimo la sua vita maniacale della pittura. Non pensava altro che dipingere, dormiva solo quando si stancava a dipingere, era vestito sempre di stracci, non faceva mai le pulizie e poi quando le immondizie facevano un mucchio cambiava casa, si racconta che Hokusai si trasferì per 93 volte. Durante la sua lunga vita di 90 anni lasciò più di 30,000 opere, tra cui c'è la famosa serie degli Ukiyo-e (stampa giapponese), "36 vedute del monte Fuji". Dipingeva anche per gli stranieri e le sue opere arrivate in Europa  influenzarono molto la pittura degli impressionisti francesi. Però lui non morì contento, anzi disse così prima di morire, "Se il cielo mi avesse dato ancora 5anni di vita, sarei diventato di sicuro un autentico pittore..." Morì a 90 anni ancora avido di dipingere, è un personaggio davvero originale!  Questa mostra è stata progettata per celebrare il 250° anniversario della nascita di Hokusai, si possono incontrare le sue opere provenienti dalla collezione del museo di Honolulu (Hawàii) dove sono conservati circa 10,000 opere di  Ukiyo-e. Si mostrano 170 opere dividendo in due fasi (la prima fase è dal primo febbraio fino al 26 febbraio, la seconda fase è dal 28 febbraio fino al 25 marzo, le opere saranno sostituite totalmente). Ci sono circa 20 opere di "36 vedute del monte Fuji" che sono apprezzate per la bella composizione e per la bravura in disegno, poi c'è anche "Hokusai Manga", che è composto di 15 volumi e di 4000 disegni di vari soggetti, ed era diffuso come i manuali didattici tra pittori dilettanti e artigiani. Ho già visto la prima fase e l'ho trovata ben rifornita. Non vedo ora di vedere la seconda fase.
p.s. oggi il 23 febbraio è il giorno del monte Fuji, perché 2 2 3 (la data in giapponese si dice prima il mese e poi il giorno) si può pronunziare Fu (2) Ji (2) San (3).

6 commenti:

automaticjoy ha detto...

Hokusai doveva essere un personaggio molto interessante oltre alle sue doti artistiche! Peccato non essere a Kyoto per godermi la mostra, spero di vederne altre quando visiterò il Giappone.

guidakyotese ha detto...

A automaticjoy

secondo me questa occasione è molto preziosa, hai ancora tempo di comprare il biglietto per il Giappone!

Roberto ha detto...

A breve dovrebbe uscire in Italia per Jpop il manga su Hokusai del maestro Ishinomori. Lo prenderò sicuramente sono un estimatore di Hokusai.

Rok

guidakyotese ha detto...

A Rok
Non sapevo che c'è un manga su Hokusai, vorrei leggerlo anch'io.

Beppe ha detto...

Ciao Kyoko,
mi sarebbe piaciuto tantissimo visitare questa mostra.
Ammiro tantissimo le opere del Maestro Hokusai.
Mi intriga molto anche la sua vita.
Ti confermo anche quello che ha detto Roberto, esiste anche un manga!
A presto,
ciao!

guidakyotese ha detto...

A Beppe
devo leggere assolutamente questo manga, forse vado al museo di Manga per cercarlo perché abito a due passi dal museo!