8 giugno 2010

un altro invito a "Kawadoko"











Ancora siamo a Kifune,un villaggio nei recessi delle montagne nord di Kyoto. Il 1 maggio vi ho presentato "Kawayuka" che sono i palchi temporanei all'aperto dei ristoranti, infatti "Yuka" vuole dire pavimento. Invece a Kifune ci sono "Kawadoko" che significa il letto del fiume, questa volta i pavimenti di legno sono tanto bassi da sfiorare l'acqua, sono installati appena sopra la superficie del fiume Kifune di cui la corrrente è più rapida di quella del fiume Kamo per cui sono molto freschi anche perché la corrente rapida ci porta brezza continuamente. Poi ovviamente la temperatura è 10 gradi più bassa in confronto alla temperatura del centro di Kyoto, che è famoso per l'afa infernale in estate. Si trovano qui circa 20 ristoranti dove si può gustare quasi esclusivamente il Kaiseki (c'è sempre il pesce Ayu, di acqua dolce) per cui sono abbastanza cari, ma all'ora del pranzo si fanno anche "Nagashi-soumen" , (soumen sono i capellini giapponesi di farina bianca che si mangiano freddi in estate) che sono meno costosi, ma prima di andarci a mangiarli dovete fare allenamento di usare i bastoncini perché si deve acciuffare i capellini che vengono fatti scivolare con dell'acqua che scorre dentro canna di bambù, quindi ci vuole molto bravura nel usare i bastoncini come noi.

2 commenti:

fabiuccio ha detto...

Ci sono stato una volta. Il vento era fresco e il rumore dell'acqua che scorreva era un po` troppo forte ma dopo un po` mi sono abituato.
Vorrei andarci almeno una volta all'anno ...

fabio

guidakyotese ha detto...

A Fabiuccio,
ci credo perché è un posto bellissimo. Ma io non ci vado quasi mai perché è molto vicino a casa dei miei, sono cresciuta più o meno in questa zona.